Incontro con delle garzette

In questa zona, tra i comuni di Attigliano, Lugnano in Teverina ed Alviano, scorre il fiume Tevere. In un’ansa, si e’ formato un grande lago, un habitat protetto dall’Oasi di Alviano. Poco distante, si puo’ arrivare a vedere il Tevere da una stradina poco trafficata, dove mi sono fermata per caso.

Avvicinandomi al bordo della scarpata, in un punto in cui non c’erano alberi, ho visto volare da vicino un martin pescatore, il “re dei pesci” Eurasiatico, inconfondibile per il suo colore azzurro.

Mi sono seduta tra l’erba, affascinata dallo spettacolo, restando diverso tempo a cercare di distinguere l’origine di vari cinguettii, ma gli uccellini erano nascosti tra il fogliame di alberi alti, sull’altro lato della riva.

Poi, ho visto arrivare da lontano un grande uccello bianco in volo, poteva essere un airone ma ingrandendo le foto si puo’ notare che si tratta di una garzetta, come l’altra che era posata. Hanno litigato un attimo, poi una e’ volata via, perdendosi in lontananza, e l’altra si e’ posata su un albero vicino.

Un episodio piccolo, che magari per altri e’ tuttora banale, o al quale molti altri non hanno mai assistito. Da giovane, sarebbe sembrato abbastanza banale anche a me, ma dopo anni di vita in citta’ ed avendo poco tempo a disposizione per stare fuori casa tuttora, in pieno cambiamento climatico, ho pensato di essere stata davvero fortunata, e mi sono sentita felice.

Fiume Tevere, tra Attigliano, Lugnano e Alviano, poco dopo un’alba di meta’ autunno.

Lo stesso posto dieci secindi dopo

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: