Il bombo e il fiore

5,00 

@Barbara Coluzzi
11/8/2022 – Lugnano in Teverina
Canon EOS 5D Mark II – EF300mm f/4L IS USM + 2.0
1/1250 s: 18.0; 6400 ISO;  nAF: 2500×2500; 1.42 Mo;

Descrizione

Tra le foto che mi sembrano piu’ belle e significative di questa calda estate in campagna. Anche se non e’ ne’ particolarmente originale ne’ particolarmente spettacolare.

Un bombo elegantemente in procinto di posarsi volando su un bellissimo fiore, fotografia scattata a Lugnano in Teverina.

“Bombo” era il soprannome con cui mia zia, Francesca Romana Coluzzi, un po’ nota gia’ da giovane come attrice di cinema e poi teatro, che in seguito ha fondato appunto una scuola di teatro, chiamava il mio nonno paterno, Alberto Coluzzi.

Mio nonno e’ stato invece un noto malariologo, che ha partecipato alla bonifica dalla malaria della zona di Fondi nel dopoguerra, in qualita’ di collaboratore dell’Istituto Ettore Marchiafava. Forse in futuro mi riuscira’ di raccontare dal mio punto di vista la sua storia, che ovviamente si interseca con quella di mio padre, il professor Mario Coluzzi, che in seguito si e’ dedicato in particolare allo studio di un complesso di zanzare che trasmettono la malaria in varie zone dell’Africa.

Qui, mi limito ad un aneddoto simpatico, “Bombo” era un soprannome adatto, un insetto dall’apparenza di un calabrone che non punge (in effetti, possono pungere le femmine della specie, ma non sono aggressive).

Ho dedicato al bombo (e ad una farfallina che volava li’ intorno) anche una serie di altre 4 foto, “Attrazione per il nettare“.